Logo Griffe Community
whatsapp
( +39 ) 3285383908
0

Carrello

0Articolo (i)-0,00

Ci sono 0 articolo(i) nel carrello
Subtotale 0,00

Karl Lagerfeld. Perché proprio lui?

Nuovo progetto

Karl Lagerfeld e i suoi stupendi pensieri…

 

Nel 1983 Lagerfeld si unì al team di Chanel, assunse la posizione di capo stilista e cambiò per sempre la direzione della storia della moda.
Crea varianti innovative dei classici modelli Chanel, combinando lo stile rigoroso di Coco Chanel e le tendenze moderne, che hanno portato il marchio ai vertici negli anni ’80 e ’90.
Il suo successo è dovuto principalmente al fatto che il designer non ha paura di dimostrare la sua opinione e provocare il pubblico con soluzioni innovative inaspettate.

 

 

  • Sono una persona della classe operaia. Lavoro con la classe.
  • Sono una persona molto terrena, ma non di questa terra.
  • Il mio problema principale nella vita è l’indifferenza verso il mondo esterno.
  • Assurdità e antiassurdità sono i due campi dell’energia creativa.
  • La cosa migliore che puoi fare è immergerti nella tua immaginazione: non puoi mai annegare.
  • È un delitto dire che ci si annoia, visto che il tempo è così prezioso e ci sono tante cose che si possono fare: leggere, studiare, osservare.
  • Mi piace l’idea della follia disciplinata.
  • Sono una caricatura di me stesso e questo mi piace. Per me il carnevale di Venezia dura un anno intero.
  • A volte le idee migliori mi vengono quando sono nella vasca da bagno, a letto o appena prima di svegliarmi la mattina – sono come un’antenna TV – prendo tutto quando voglio.
  • Con ogni libro che acquisti, devi guadagnare il tempo per leggerlo.
  • La personalità inizia dove finisce il confronto con gli altri.
  • Meglio una doppia personalità che nessuna personalità.
  • Perché smettere di lavorare? Se lo faccio, morirò e sarà finita. Ho la fortuna di lavorare nelle condizioni più perfette possibili. Posso fare quello che voglio in tutte le aree. Devo essere molto stupido per smettere. Il lavoro è un modo per sfuggire alla noia.
  • La donna è la bambola più perfetta che abbia mai vestito con piacere e ammirazione.
  • Al giorno d’oggi, non devi avere molti soldi per essere ben vestito.
  • In un mondo in cui si mangia carne, discutere se indossare la pelle è infantile.
  • Cosa significa essere alla moda oggi? Rilassato, calmo, naturale.
  • Perdonare è troppo facile. Posso dimenticare accidentalmente, ma non perdonare. preferisco la vendetta.
  • Le zie grasse in piedi sul divano con un pacchetto di patatine davanti alla TV e parlando di quanto siano disgustosamente magre le modelle suonano poco convincenti.
  • In un tubino nero è impossibile sembrare troppo lussuosi o troppo modesti.
  • Una donna priva di buon gusto, anche nell’abito più elegante, sarà insipida.
  • Mia madre mi diceva sempre: “Non sacrificarti mai per il bene degli altri”. Risparmiando energia, dai un po’ di te stesso, ma a molti. Dando, sarai devastato.
  • L’unica forma di amore in cui credo è l’amore della madre per il bambino.
  • Vado sempre a letto perfettamente pulito. Quando ero piccola, mia madre mi diceva che potevo morire improvvisamente di notte, quindi dovevo assicurarmi di apparire al 100%.
  • I bambini crescono così velocemente che quando ti guardi intorno non sei più un piccolo, ma un grande adulto. Questo ti aggiunge altri 100 anni. Non vorrei sembrare così.
  • Ho più libri che scaffali per loro. E li ho letti tutti. Sono come Schwarzenegger, solo che mi sto mettendo nel cervello. Sono un costruttore di cervelli.
  • Fai ciò che ti rende felice. Dimentica i soldi o altri trucchi considerati di successo. Se sei felice di lavorare in un negozio di campagna, lavora. Ricorda che la vita è tua e ce n’è solo una.
  • Di solito non consiglio alle spose di prendere abiti da sposa del mio marchio. Tutti quelli per cui ho creato sono già divorziati.
  • Le mie ambizioni di vita si riducono a una cosa: indossare jeans taglia 28.
  • Sentimenti umani? Non ho mai sperimentato tale.

 

 

 

AUTHOR

RELATED NEWS

Il primo segno di civiltà

Il primo segno di civiltà

Molti anni fa, una studentessa chiese all’antropologa Margaret Mead quale pensava fosse il primo segno di

Wishlist

Carrello

Subtotale 0,00
x